Schivo e attento… c’è poco tempo, ci avviciniamo piano, lo osserviamo e via… ci saluta!

Spesso sono osservati dai sub e rimangono immobili sul fondo finché essi non si avvicinano troppo. Sono assolutamente innocui.

Lo Squalo Leopardo si muove lentamente e spesso rimane immobile in attesa in prossimità di una barriera corallina su fondali sabbiosi o rocciosi.

Non deve, come succede per molti squali, necessariamente rimanere sempre in movimento per respirare : la respirazione può avvenire anche per pompaggio di acqua attraverso le branchie.

Questa specie è dotata di un corpo molto snello e allungato, che raggiunge lunghezze di circa 3.5 metri, la coda è lunga e affusolata. Il muso è piuttosto arrotondato e presenta barbigli. La loro bocca contiene molte file di denti appuntiti che quando si consumano vengono sostituite.

Detto anche Squalo Zebra, lo Squalo Leopardo nasce “a righe” simili a quelle della zebra (da qui il soprannome) per poi cambiare aspetto: al momento della maturità le strisce diventano puntini/macchie simili a quelli del leopardo.

0 Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous reading
Le stelle marine
Next reading
Gli animali più semplici: le spugne