Per la rubrica simbiosi: il gamberetto del crinoide (Hippolyte pradaeuxiana) vive esclusivamente e per tutte le fasi del suo ciclo vitale sul corpo dei gigli di mare (classe Crinoidea), proteggendovisi tra le braccia piumate e le pinnule e nutrendovisi di parassiti e pelle morta. I gigli di mare, dal canto loro, accettano con benevolenza la presenza dei piccoli quanto utili spazzini, la cui protezione tra le appendici frondose reca loro un disturbo praticamente nullo.

L’adattamento dei gamberetti è tale che il mimetismo è completo: il gamberetto è in grado di assumere colori e disegni perfettamente identici a quelli del giglio di mare, quali essi siano.

0 Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous reading
aspettando le megattere…
Next reading
Le anguille giardiniere